Quando bisogna arredare o ristrutturare casa, il progetto parte  dagli apparecchi da cui non si può prescindere. Tra questi, c’è sicuramente la caldaia, indispensabile per il riscaldamento e per avere acqua calda nell’abitazione.

Ma dove posizionare la caldaia? La tentazione è quella di trovare uno spazio nascosto dalla vista, soprattutto per motivi estetici, ma anche per recuperare spazio. Se non è possibile sfruttare spazi esterni, talvolta si ripiega sul bagno; un locale di servizio sembra la scelta giusta per un apparecchio che risponde più a criteri di necessità che di design. Vediamo a quali condizioni è possibile.

Protezione

Per prima cosa, è necessario prevedere la realizzazione di un mobile copri caldaia, ovviamente aperto nella zona superiore per assicurare la giusta aerazione. Questo protegge sia le persone, sia la caldaia stessa, che resta più riparata. Inoltre, risolve i problemi di estetica. Se state valutando di metterla in bagno – locale spesso di dimensioni ridotte – calcolate gli spazi tenendo conto della protezione necessaria.

Cosa dice la normativa

Dal 2018 le caldaie a camera aperta sono andate fuori produzione. Quindi, tutte i nuovi impianti funzionano con caldaie a condensazione oppure a camera stagna di tipo C. Questi apparecchi prelevano l’aria dall’esterno, non dal locale in cui sono posizionate.

Teoricamente, quindi, possono stare in una stanza qualsiasi, a patto che sia sufficientemente areato. Quindi anche in bagno? Dipende. Bisogna prima verificare la normativa territoriale relativa al posizionamento dei tubi. Ogni situazione deve essere valutata con un esperto del settore, contattando assistenza caldaie Beretta Roma per un sopralluogo. In ogni caso, tenete conto di questi divieti di carattere generale

Bagno cieco

Se avete un bagno senza finestra, potete valutare l’installazione della caldaia solo dopo aver considerato la creazione di un sistema di aerazione con un progettista termotecnico. Un intervento da inserire nel budget dei lavori.

Camere da letto

La caldaia non può mai essere installata in una camera da letto, o comunque in una stanza in cui si dorme. Non solo; il divieto è esteso anche agli ambienti in comunicazione diretta con le camere da letto, come per esempio il corridoio della zona notte.