La surroga mutuo, conosciuta anche come surrogazione de ìl mutuo, è un termine con il quale tutte le persone ci richiedono un mutuo sono costrette a relazionarsi. Oggi infatti, vediamo qual è la surroga mutuo significato.

All’inizio in realtà, quando si stipula il contratto con l’istituto di credito, la surroga non è una cosa interessante e in molti pensano di non averne bisogno. Tuttavia in un qualsiasi momento del periodo in cui una famiglia ha ancora attivo il piano di ammortamento, cioè il pagamento rateale alla banca per il rimborso del denaro prestato più gli interessi, può sentire l’esigenza di spostare il mutuo presso un altro istituto bancario.

La surroga è proprio questo. Il poter spostare il mutuo presso un’altra banca qualora trovi condizioni economiche migliori. Si parla quindi di portabilità del mutuo ed è una procedura completamente gratis, questo grazie al Decreto Bersani.

Il significato pensiamo sia chiaro a questo punto. La surroga non è altro che la possiblità di spostare un mutuo ipotecario dalla banca con la quale si è stipulato il contratto iniziale, verso un’altra banca. Di solito il motivo è l’aver trovato condizioni economiche migliori.

La legge Bersani n.40/2007 prevede che la manovra sia gratuita. Per il debitore (chi ha richiesto il mutuo), non ci sono in realtà grandi pratiche burocratiche, se non quella ovviamente di firmare il nuovo contratto ma sarà comunque il consulente bancario a guidare. E’ la nuova banca che si appresta a informare la vecchia banca, la quale deve cedere il contratto e non può opporsi a questa decisione. Può comunque proporre al cliente una rinegoziazione.

Chiaramente in tutto questo viene trasferita anche l’iscrizione ipotecaria. La nuova banca in pratica va a saldare il debito che è rimasto scoperto dall’altra banca e il cliente parte con i pagamenti dove è rimasto e pagherà tutto con le nuove condizioni rateali.

E’ possibile procedere con la surroga solo quando il nuovo mutuo e il trasferimento dell’iscrizione ipotecaria sono stati sottoposti all’atto formale del Notaio. Nel contratto nuovo è obbligatorio che sia presente anche la destinazione della somma maturata. La banca surrogata poi, deve anche rilasciare la quietanza nella quale è indicata qual è la provenienza della somma impegnata.

La surroga può comunque essere fatta anche su altri tipi di finanziamento, non esclusivamente sul mutuo.

Alcuni consigli per chiedere la surroga del mutuo

  • Il cliente come prima cosa deve andare presso uno sportello di consulenza della nuova banca ed effettuare la richiesta scritta.
  • La banca valuta se accettare o meno la richiesta in base a vari fattori economici che riguardano il richiedente.
  • La banca a questo punto informa quella vecchia che il debitore vuol fare richiesta del vecchio debito. A questo punto, la nuova banca salda quella vecchia ed ecco che tale costo diventa il nuovo capitale erogato che il cliente deve saldare alla nuova banca.
  • Entro trenta giorni deve avvenire il passaggio. Se la banca impiega più tempo, va contro a delle sanzioni e delle penali.
  • Adesso la banca nuova fa a sue spese il rogito notarile, in modo da trasferire anche l’ipoteca.