La coltivazione indoor è sempre più praticata. Questo tipo di coltura permettere produzioni controllate per tutto l’anno, anche in condizioni climatiche avverse. Risolve inoltre il problema correlato a terreni non idonei alle colture.

 

La coltivazione indoor permette di rispondere a standard altamente qualitativi. Per avviare questo tipo di coltura su larga scala, bisogna avere un sostegno adeguato come quello fornito da appositi strumenti di misurazione e automazione.

 

Un punto molto importante che riguarda la coltivazione indoor è il controllo dell’umidità della growroom ossia della camera di crescita dove le piante vengono coltivate in condizioni controllate.

 

L’umidità

 

L’umidità è fondamentale per la crescita delle piante. Essa permette il processo di fotosintesi. Se le piante perdono molta acqua gli stomi si chiudono e, di conseguenza, si ferma l’assorbimento di CO2. Il processo di fotosintesi quindi si interrompe.

 

La temperatura delle piante al sole è poi regolata dal raffreddamento della zona tramite l’evaporazione dell’acqua, che consente di espellere molto calore dalla pianta. Gli stomi aperti rilasciano calore. Se sono chiusi invece aumenta la temperatura della pianta.

 

Gli stomi aperti sono quindi molto importanti e affinché lo siano è importante limitare l’evaporazione della pianta. Ai fini della fotosintesi gli stomi devono essere aperti e assorbire CO2.

 

Umidità e temperatura nelle growroom

Umidità e temperatura sono parametri fondamentali nelle growroom. Solo all’interno di un ambiente equilibrato le piante possono crescere e diventare produttive. Quando la temperatura è troppo alta, l’aria trattiene più umidità. Se fa freddo, l’aria invece libera più vapore acqueo.

 

Per favorire la creazione di un microclima ottimale, è indispensabile attuare un monitoraggio costante, allo scopo di mantenere sotto controllo ogni sbalzo, ogni cambiamento inerente le condizioni climatiche all’interno della growroom.

 

In questo modo si potrà intervenire con prontezza di riflessi per preservare la salute delle piante coltivate indoor. Solo monitorando e gestendo correttamente il rapporto tra la temperatura della growroom e il suo grado di umidità, la resa della coltivazione indoor sarà ottimale, portando i suoi frutti in quantità e qualità.

 

I kit di controllo umidità

 

Il mantenimento del giusto grado di umidità è quindi molto importante nella coltivazione indoor, soprattutto in quella con substrato. In assenza, la coltivazione si effettuata tramite l’acqua, che non manca mai poiché le radici delle piante vengono immerse completamente.

 

Utili al mantenimento dell’umidità nelle coltivazioni indoor con substrato sono i kit di controllo umidità, pratici set di strumentazioni utili a questo scopo. Questi kit permettono di tenere sotto controllo in automatico l’umidità delle growroom.

 

Il merito è di strumenti come un estrattore e un controller di temperatura, in grado di azionarsi automaticamente. L’installazione  è molto facile e così anche la manutenzione, grazie al sistema ad aggancio incorporato.